The Innkeepers


















REGIA: Ti West;
ANNO/LUOGO: 2011/USA;
GENERE: horror;
ATTORI PRINCIPALI: Sara Paxton,
Pat Healy.

"Tutto accade per un motivo, non siamo finiti per caso al Yankee Pedlar"

voto: *


Clare e Luke lavorano in un vecchio hotel al quale rimangono solo pochi giorni alla chiusura. 
Dato che l'ambergo ha solo 2 ospiti, per passare il tempo i due ragazzi, dopo aver scoperto che il luogo è stato teatro di un brutale suicidio, decidono di mettersi a fare esperimenti per scoprire se l'hotel è infestato...

Decise a vedere questa pellicola poichè largamente consigliata, ora che l'abbiamo vista non capiamo proprio come sia possibile!
Probabilmente sopravvalutato (o non capito) dalla critica che c'ha visto addirittura citazioni di Kubrick e Hitchcock forzatissime se non addirittura inesistenti come: un piccione che esce da una botola e un corridoio con tappezzeria rossa.. accipicchiolina! Vabè..
Ma il problema principale è che questo film non ha una trama definita: la sceneggiatura è praticamente basata sul nulla anzi sembra proprio non l'abbiano nemmeno buttata giù! Non solo mancano parti fondamentali ai fini del "risvolto finale" ma manca proprio un senso generale al tutto e ci si annoia mortalmente.
*ATTENZIONE SPOILER*
Fino alla fine si da credito all'esistenza dei fantasmi poi però sul finale si affaccia (così dal nulla) la possibilità che Claire abbia perso la testa e si sia immaginata tutto.. ipotesi credibile ma completamente buttata li e abbandonata sul nascere!
Rimane quindi un senso di disorientamento totale su tutti i fronti.
Secondo noi il succo della trama è questo: Luke, segretamente innamorato di Claire, (fissata con il paranormale), si inventa una storia di fantasmi legata all'hotel per far colpo, lei ci casca, ci perde la testa e ci lascia le penne a causa della suggestione. Fine.
Si ok fantastico ma anche fosse davvero questo il senso le incongruenze e le domande che restano insolute sarebbero davvero troppe:
1- La vecchia "sensitiva" parla di 3 presenze pericolose che imprigionano il fantasma di Madeline e vogliono fare del male a Claire (ma perchè??) inoltre di queste 3 presenze si perdono totalmente le tracce  dalla sequenza dopo, tanto che gli unici fantasmi che si vedono sono Madeline e il vecchio suicida.. mah!!
2-Perchè mai il fantasma del vecchio suicida, completamente estraneo alla faccenda dell'hotel, dovrebbe voler far del male a Claire?? che senso ha??
3- e perchè la conversazione finale tra Luke e la vecchia? che vorrebbe dire?? Esistono allora sti fantasmi o Claire è solo pazza?? BOH non è dato sapere!
*fine Spoiler*
Anche i personaggi, sempre elogiati dalla critica perchè descritti come originali e profondi O_O, per noi mancano totalmente di spessore tanto da sembrare figure secondarie!
Sul lato tecnico a tratti il film sembra esser stato girato negli anni 90 (vedi pc di Luke del dopo-guerra :D ) per poi passare ad improvvise riprese con tagli di stampo attuale. Scelte volute? boh.
Anche gli effetti speciali e make-up non ci dicono nulla di nulla e sono pure mal inseriti e gestiti tanto da non regalare nemmeno un salto sulla sedia guardabile.
Insomma l'avete capito e non c'è altro da aggiungere: sto film è una vera sòla! 
Lasciate perdere!

CONSIGLIATO: Assolutamente no!

L'Inquilino del terzo piano


















REGIA: Roman Polanski;
ANNO/LUOGO: 1976/ Francia;
GENERE: thriller;
ATTORI PRINCIPALI: Roman Polanski,  
Isabelle Adjani, Shelley Winters, Melvyn Douglas.

 "Splendida.. adorabile... una dea divina!... 
credo che diventerò mamma"

voto: * * * *

Trelkowski, un giovane polacco naturalizzato francese, si trasferisce in un piccolo appartamento all'interno di uno storico palazzo di Parigi.
Dopo pochi giorni però si accorge che i vicini non sono affatto ospitali come sembrava...

Halleluja! Ogni tanto qualcosa di buono capita di vederlo anche a noi!
Ispirato al romanzo Le locataire chimérique di Topor, questo è un bel thriller ricco di metafore e simbolismi davvero niente male.
Un claustrofobico dramma kafkiano intrecciato a personaggi grotteschi e situazioni al limite tra psicosi e pura metafisica.
Come in Rosemary's Baby, anche qui il vero mostro è impersonificato nella società; una società abietta, xenofoba e totalmente inglobata nei clichè che non lascia spazio altro che a se stessa.
L'inquietudine e il terrore vengono fuori attraverso il senso di impotenza che distrugge il povero Trelkowski schiacciato tra pazzia e lucidità.
Un personaggio davvero interessante che mette bene in scena l'eterno dilemma dell'uomo moderno: è meglio scegliere di essere una "brava" persona oppure sbattersene completamente di tutto ed essere finalmente liberi dalle convenzioni sociali? forse la seconda... però poi, una volta liberi, possiamo realmente dire di essere felici? Trelkowski non l'ha ancora capito..
In un intrecciarsi di situazioni al limite tra metafora e realtà il film ci conduce ad un mistico finale anch'esso intriso di significati kafkiani tutt'ora da libera interpretazione.
Tecnicamente parlando, non vi sono grandi effetti speciali, sono le situazioni a rendere il tutto funzionante e davvero inquietante.
Belle le ambientazioni e la fotografia molto simbolica.
Bravi gli attori in special modo lo stesso Polanski nei panni del malcapitato Trelkowski, che passa da super sfigatone (Topo Gigio) a mito indiscusso del travestitismo XD
Nemmeno così male il doppiaggio italiano, una volta tanto c'è andata bene!
Per noi insomma un film riuscito, da vedere/avere senza dubbio alcuno!

CONSIGLIATO: Assolutamente si!

Dexter 7° Stagione



















STAGIONE: 7 (di 8);
IDEATORE: James Manos, Jr;
ANNO/LUOGO: 2012, USA;
GENERE: poliziesco, thriller;
ATTORI PRINCIPALI: Michael C. Hall,
Jennifer Carpenter, Yvonne Strahovski.


voto: * * / *

"Adesso niente sarà più come prima"

Il segreto è scoperto. Tutto adesso deve cambiare, per forza.
LaGuerta indaga segretamente su Dexter mentre quest'ultimo tormentato dai sensi di colpa cerca di recuperare il suo rapporto con Debra... Nel frattempo entra in gioco una certa Hannah che cambierà diverse cose...

Per come si è conclusa la serie precedente mi aspettavo di tutto e di più e invece?
Invece si, in effetti ne capitano davvero di cotte e di crude però il brio delle prime stagioni è ormai scomparso quasi del tutto. Non siamo difronte all'abominio colossale, come mi avevano detto in molti, poichè secondo me resta ancora una serie gradevole da seguire nonostante tutto però si, qualcosa si è rotto irrimediabilmente.
Si continua ad allungare un brodo che oramai è totalmente annacquato, peccato.
Gli intrecci sono prevedibili e la nuova tipa Hannah McKay è davvero insopportabile, fa quasi rimpiangere la stronza della seconda serie ed è tutto dire! Mah!
Anche stavolta si arriva quasi a fatica all'ultimo episodio che però, almeno non delude le aspettavive.
Il tutto si chiude nuovamente con una BOMBA niente male (si forse un pò prevedibile è vero) e sinceramente, arrivati qui, potevano evitare un'ulteriore serie, sarebbe stato meglio allungare questa di un paio di episodi e finirla qui. e invece?
Invece cen'è un'altra! Aiuto!
O_O
by Midnight

CONSIGLIATA: ni.

Dexter 6° Stagione

STAGIONE: 6 (di 8)
IDEATORE: James Manos, Jr;
ANNO/LUOGO: 2011 /U.S.A;
GENERE: poliziesco, thriller, apocalisse;
ATTORI PRINCIPALI: Michael C. Hall,
Jennifer Carpenter, Desmond Harrington.

"Noi due siamo i Testimoni scelti da Dio

voto: * * / *

Miami è sconvolta dall'arrivo di un nuovo serial killer che sembra, in qualche modo, essere messaggero di un' imminente Apocalisse.. Dexter si troverà a affrontare una particolare crisi di fede...

Purtroppo come già "annusato" dalla precedente stagione il livello si va ancora ad abbassare perdendo molto rispetto alle prime stagioni dove il ritrmo serrato, i colpi di scena e gli intrecci tra i personaggi tenevano alto l'interesse.
Si percepisce un pò di stanchezza generale specialmente nelle scelte registiche.
La trama, anche se nemmeno così male, viene mal gestita e trascinata allungando spesso il brodo con soluzioni noiosette.
Anche la scelta del nuovo serial killer (stavolta una coppia) è meno originale di altri e meno interessante.
Dexter, sempre in conflitto con se stesso, stavolta affronta una sorta di crisi di fede un pò stiracchiata e dai risvolti traballanti. Per fortuna nulla di drastico ma si intuisce che le banane stanno finendo :D
Ciò che non finisce però fortunatamente sono i colpi di scena dell'ultimo minuto e infatti ancora una volta abbiamo una conclusione BOMBA (seppur intuibile e inevitabile) che fa meritare la visione di tutta la stagione.
by Midnight
CONSIGLIATA: ni.

American Horror Story - Freak Show





















STAGIONE: 4;
IDEATORE: Ryan Murphy e Brad Falchuk;
ANNO/LUOGO: 2014 /U.S.A;
GENERE: drammatico;
ATTORI PRINCIPALI: Jessica Lange, Danny Huston,
Evan Peters, Sarah Paulson.


1952 Jupiter, Florida;
il Freak Show di Elsa Mars è arrivato in città e con lui.... l'Inferno.

E pensare che la prima stagione ci aveva fatto gridare al miracolo! 
Purtroppo già dalla seconda e poi anche nella terza, avevamo visto un vertiginoso calo di livello ma stavolta siamo riusciti a scendere ancora e in modo irrecuperabile.
Sebbene tecnicamente siamo ancora su un ottimo livello, purtroppo si è persa di vista la parola Horror che stava tra American e Story.
E' oramai diventato un drammone nel quale nemmeno si tenta, nonostante il tema che poteva regalare tantissimi spunti macabri e orrorifici (cacchio siamo in Freak Show e c'è pure un pagliaccio assassino!!!!), di portare la trama verso il motivo per il quale è nato il concept dell'intera serie. Per farla breve: l'Horror dove cavolo è finito??? BOH.
I problemi delle precenti stagioni sono decisamente amplificati: in primis la troppa carne al fuoco che oramai ha spento la fiamma data la sua abbondanza; praticamente in ogni singolo episodio vengono inseriti nuovi personaggi, nuove idee, nuove situazioni puntualmente abbandonate a se stesse già dall'episodio successivo oppure riprese dopo talmente tanto tempo da diventare inutili.
Ma non c'è da stupirsi dato che persino le storyline pricipali seguono strade talmente traballanti e mal scritte da sembrare senza una sceneggiatura alle spalle.
*Attenzione SPOILER*
Per esempio il pagliaccio assassino che sembra (e poteva) essere uno dei "personaggi chiave" e che invece sparisce dopo 2 episodi in croce (persino in malo modo) così come il giovane psicopatico Dandy che ci rompe le balle fino alla fine saltellando da un espisodio e i 10 successivi senza una logica e senza arte ne parte. E perchè Chester Creb, il mago assassino, che subentra a pochi episodi dalla fine senza apportare assolutamente niente alla storia per poi sparire letteralmente nel nulla?. MAH...
Ma questi sono solo alcuni esempi poichè in realtà tutti i personaggi lasciano qualcosa di inspiegato o abbandonato all'interno della storia.
*fine SPOILER*
Già che abbiamo parlato dei personaggi doveroso l'appunto sugli attori, tutti o quasi, di alto calibro ma in questo caso totalmente sprecati dal primo all'ultimo.
Il dispiacere più grande va verso la Lange, alla sua ultima interpretazione all'interno del cast (o almeno così ha dichiarato), visibilmente stanca e sottotono colpa forse anche del suo personaggio insoddisfatto e distrutto dalla vita da 4 serie a questa parte. 
E Evan Peters? non era il figo della serie? perchè si è evoluto in uno sfigatone sempre più sfatto e focaccione? Che pacco!
I nostri cuori però hanno battutto all'unisono per le poche (purtroppo) apparizioni del mastro falegname Dolcefino (Danny Huston) con la sua splendida voce e il suo impeccabile italiano *_* cazzarola lo parla meglio di noi! Da brividi!!
Completamente mal gestita poi l'idea di inserire collegamenti con la seconda stagione: poteva anche essere una cosa interessante ma dato che viene appena accennata in momenti casuali della trama e dato che non apporta niente nè a questa nè alla precedente stagione risulta davvero un'idea totalmente inutile.
Allo stesso tempo davvero superflua anche la presenza di vecchi attori palesemente inseriti in modo forzato come la Gabourey Sidibe e Jamie Brewer, davvero ridondanti.
Insomma, inutile dilungarsi più di tanto ancora: questa stagione è davvero mal fatta e noiosa da morire. Talmente tanto che ci siamo persino dovute predere una pausa dalla visione per sopravviverne.
Colpo di grazia definitivo ce lo ha dato il finale O_o <------- che questa emoticon vi descrive perfettamente. 
Un turbinio di cose random pari solo a un incubo lynchiano di natura allucinogena. 
*Attenzione SPOILER*
Si finisce con un balzo in un paradiso freak??? ma cosa, come, quando e soprattutto perchè?! 
Elsa decide di suicidarsi sfruttando double face man durante un suo show: lui "ovviamente" sta a gioco (ma da quando? non era il male puro??) accetta di ucciderla senza però tenerla con sè ma bensì spedendola in una specie di paradiso dove ci sono alcuni dei suoi freak (gli altri sono rimasti in purgatorio?-__- su quali basi?) che l'hanno pure perdonata!? perchè, parole di Ethel: "qui tutto ciò che si è fatto in vita viene cancellato". Ah si? ma allora i poveri sfigati che girano con double face man che hanno fatto di male?? Boh forse gli facevano più simpatia. -___-"
Sproloqui a parte, sta cosa di Elsa iredenta in paradiso ha veramente poco senso, data la sua natura talmente egoista e crudele, tutto meritava tranne che il perdono. Brutto e banalotto davvero!
*fine Spoiler*
Di tutta questa ciofeca ci ricorderemo (apparte Dolcefino) la sigla iniziale, a nostro parere, la più gagliarda di tutte (musica e immagini annesse).
Peccato, peccato, peccato.
Speriamo in una prossima ripresa anche se adesso l'impresa sarà davvero molto dura.

CONSIGLIATA: Assolutamente no.

Dexter 5° Stagione


















STAGIONE: 5 (di 8)
IDEATORE: James Manos, Jr;
ANNO/LUOGO: 2010 /U.S.A;
GENERE: poliziesco, thriller;
ATTORI PRINCIPALI: Michael C. Hall, Julia Stiles,
Jennifer Carpenter, Desmond Harrington.

"Tic Tac Tic Tac.. è il suono della tua vita che sta per finire

voto: * * * / *

Dopo gli ultimi tragici avvenimenti Dexter è costretto ad andare avanti tentando di concentrarsi sul lavoro. Durante una delle sue "missioni" incontra Lumen, una giovane ragazza nei guai fino al collo...


E così rieccomi qua a parlarvi della 5° stagione di Dexter:
Beh come temevo il momento è arrivato.. le idee iniziano a scarseggiare? Forse un pò si, perchè effettivamente questa serie è quella che fino ad ora mi ha coinvolta di meno.
Poca, e anche di non eccelsa qualità, la carne al fuoco e la trama, tra l'altro anche un pò prevedibile, ha perso di mordente colpa anche dei nuovi personaggi molto meno interessanti dei precedenti.
*Attenzione Spoiler*
La vita di Dexter, già stravolta dalle ultime tragiche vicende è alla deriva e l'arrivo in suo soccorso di una nuova donna non mi ha convinta gran che, troppo presto suvvia!
Meno male che poi le cose hanno preso una strada meno farlocca concludendosi in modo abbastanza realistico sul finale, meglio così.
*fine Spoiler*
In conclusione resta comunque un capitolo godibile seppur meno esilarante.

by Midnight

CONSIGLIATA: ni.

Sleuth - Gli Insospettabili (remake 2007)

















REGIA: Kenneth Branagh;
ANNO/LUOGO: 2007/ U.S.A;
GENERE: Thriller;
ATTORI PRINCIPALI: Jude Law, 
Michael Caine;

"Chi è l'uomo morto?"

voto: * * * / *

Andrew Wyke è un famoso scrittore di libri gialli. In crisi con la moglie, scopre che questa lo tradisce con un giovane di origini italiane. I due uomini si incontrano per discutere del divorzio ma la loro conversazione prenderà una piega inaspettata...

Cast stellare per questa pellicola basata su una pièce teatrale già portata al cinema nel 72.
Un Caine impeccabile torna sulla scena stavolta nei panni del vecchio marito (prima intepretava il giovane amante) affiancato da un altro grande: Jude Law in splendida forma.
Tra monologhi e battibecchi al limite della ragione, i due tengono in piedi una trama piena di significati e simbolismi davvero ben scritta.
Il taglio è forse un pò troppo teatrale cosa che a tratti stanca un pò lo spettatore, colpa anche di un doppiaggio italiano che fa davvero pena.
La storia comunque supera le pecche e fa si che lo spettatore non molli fino alla fine, desideroso di sapere come va a finire.
Molto bella l'ambientazione minimal-super lusso futurista sottolineata da diverse dominanti di colore: inizialmente azzurro poi rosso fuoco ed infine nero.
Un dramma/thriller d'autore che funziona e coinvolge.
Se amate i film d'autore, le storie intricate in bilico tra thriller e dramma, vi consiglio di vederlo senza remore. Se lo trovate in lingua originale però meglio.

CONSIGLIATO: si.
by Midnight

Dexter - 4° Stagione


















STAGIONE: 4 (di 8)
IDEATORE: James Manos, Jr;
ANNO/LUOGO: 2009 /U.S.A;
GENERE: poliziesco, thriller;
ATTORI PRINCIPALI: Michael C. Hall, John Lithgow,
Jennifer Carpenter,  Keith Carradine.

"Va tutto bene, la vita non dev'essere perfetta, deve solo.. essere vissuta

voto: * * * */ *

Nato Harrison, la vita di Dexter e Rita si fà più frenetica e stancante ma tutto procede per il meglio. 
Torna a Miami Frank Lundy, che nonostante sia in pensione, vuole riuscire a chiudere il caso di un temibile serial killer soprannominato Trinity. Ma la sua ricerca si rivelerà essere una delle missioni più difficili  e non solo per Dexter...

E siamo a 4! LOL :D
Sempre più spaventata all'idea che tutto questo possa finire o peggio possa diventare inguardabile (come mi avete detto in molti) per ora proseguo piacevolmente la visione.
Per adesso tutto fila liscio e anche stavolta il risultato è ottimo!
Sebbene l'incipit di base resti lo stesso (nuovo serial killer di turno che Dexter deve stanare) la cosa stavolta prende una piega più sfaccettata e coinvolgente. Volto nuovo storia nuova insomma e stavolta quel volto è del grande John Lithgow, nel mio cuore dai tempi de "La storia di Babbo Natale". Film cult della mia infanzia. Ma è stato ibernato o cosa?  ahah :D
Grande rientro di un personaggio che avevo adorato nella seconda stagione con annessa grandissima prova di Debra (Jennifer Carpenter), non spoilero nulla perchè è da vedere.
Visivamente ci stiamo spostando sempre più sul patinato andante (stile Mulino Bianco) soprattutto nelle scene di famiglia, ma siamo comunque su un buon livello complessivo.
Finale BOMBA e lacrime a fiumi ç_ç e non aggiungo altro.
Da vedere!
by Midnight
CONSIGLIATA: Assolutamente si!

Ouija






















REGIA: Stiles White;
ANNO/LUOGO: 2014/USA;
GENERE: horror;
ATTORI PRINCIPALI: Olivia Cooke, Ana Coto,
Daren Kagasoff,  Douglas Smith.

"Hi Friend"

voto:

Dopo l'inspiegato apparente suicidio di Debbie, la sua migliore amica Lane decide, insieme ad altri amici, di provare a contattarla tramite una tavola Ouija trovata in casa della defunta.
Qualcuno risponde ma se non fosse Debbie?

Ennesima inutile pellicola sul genere indirizzata ad un target adolescenziale/commerciale quindi basata sul brivido facile: salti sulla sedia continui dati non da situazioni inquietanti ma dai soliti clichè quali forti rumori o cambi improvvisi di inquadratura, ecc
Anche la trama non si discosta minimamente da questi canoni, tanto da riproporre il trito e ritrito dramma familiare svoltosi nella casa anni prima *Attenzione SPOILER* con annesso ritrovamento dei cimeli in soffitta (tutti accuratamete sistemati in una pratica scatola simil-archivio) e immancabile catacomba in cantina. Ma per favore! anche basta!!!*FINE Spoiler*
Pure la scelta dei personaggi resta di una banalità allarmante, sia protagonisti ovvero il classico gruppo di ragazzi adolescenti analfabeti (la bionda, la mora, la troiona e la coppia di fidanzatini.. maddai! nemmeno a farlo apposta!), sia gli antogonisti stessi.. addirittura si sfiora quasi il plagio con la scelta dello spirito protagonista uguale a quello de La Madre sia di nome che di fatto -____- 
Inutile dire che anche gli effetti speciali si avvalgono dei soliti espedienti quali facce allungate, corpi incartapecoriti o zombiezzati, per giungere all' apice massimo con la venuta del piccolo mostro Gollum/Iggy Pop/Le Morti di Ian Stone.. davvero agghiacciante, specie visto il budget!
*Attenzione SPOILER* E vogliamo forse dimenticarci del viaggio mistico in cantina che ci conduce per direttissima in una sottospecie di catacomba egizia versione Gardaland?????? cose veramente dell' altro mondo!!*FINE spoiler*
Con tutto questo elenco di roba sembra che nonostante tutto di carne al fuoco ce ne sia parecchia (seppur bruciaticcia), ma non abbiamo detto che il tutto è avvolto da una coltre di noia e lentezza inesorabili! vi basti sapere che non succede nulla per un' ora, ed il film dura solo 89 minuti O_O!!!

Tratto da un fatto realmente accaduto in un cinema di Firenze sotto i nostri occhi: gente presa dalla disperazione che durante la proiezione si alzava a più riprese e dando le spalle allo schermo dialogava impunemente di tutt' altro con i vicini. Ci sono stati anche momenti di puro delirio con lancio di monetine XDD!!!!
e poi perche le fanno solo rosa?
..Certo c' era poco da aspettarsi da un film preceduto da una presentazione Disney e che sul finale si scopre essere sponsorizzato dalla Hasbro che a quanto pare produce simpatiche tavole Ouija alla stregua di una casa per le bambole:

Che altro dire.. Finale prevedibile ed inutile, lasciate perdere e... compratevi una Ouija da Hasbro!!! MAH!!!!!!


CONSIGLIATO: Assolutamete no.


NOTA BENE: il trailer è inspiegabilmente composto SOLO da sequenze che NON ci sono nel film!!! perchèèè???

Gone Girl - L'Amore Bugiardo






















REGIA: David Fincher;
ANNO/LUOGO: 2014/ USA;
GENERE: thriller, drammatico;
ATTORI PRINCIPALI: Ben Affleck, 
Rosamund Pike, Neil Patrick Harris, Tyler Perry.

"Io amo mia moglie."

voto: * * / * 

Nick e Amy sono una giovane coppia sposata da qualche anno. 
Il loro è appartentemente un matrimonio felice purtroppo però a causa di un trasferimento e alcuni problemi economici qualcosa nel loro rapporto si rompe e le cose iniziano a vacillare... Amy il giorno del loro 5° anniversario scompare nel nulla...

Un thriller hitchcockiano dalle tinte hollywoodiane che nel complesso funziona seppur con qualcosa che non convince a pieno.
Una tormentata storia d'amore tra due persone logorate da un rapporto che non funziona, sta alla base della faccenda; il resto lo fa (o vorrebbe farlo) una critica al sistema famiglia e ai suoi ruoli di genere con annessi clichè e ai media che plasmano vicende come questa a loro gusto con il potere di distruggere le vite dei loro protagonisti rendendoli dei fenomeni da baraccone/soap opera trash. 
Il materiale c'è, la bravuta degli attori pure (anche se Affleck ha sempre le stesse espressioni e la stessa faccia da 20 anni, va detto) però qualcosina manca.
Forse un pò di indecisione sulla strada da tenere: un pò si vuole intrattenere un pò far riflettere ma il risultato, seppur godibile, resta un pò privo di spessore.
Tecnicamente siamo su un buon livello sia tecnico sia registico con l'ausilio di un'ottima colonna sonora, scritta in larga parte dal buon vecchio Trent Reznor leader dei Nine Inch Nails.
Nel complesso insomma niente di scioccante ma nemmeno da buttare: un thriller abbastanza riuscito che si lascia guardare piacevolmente.
by Midnight
CONSIGLIATO: ni.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails